Posts tagged ‘polizia’

G20, video incastra agenti “L’uomo morto fu spinto”

Londra – Ian Tomlinson, l’uomo morto per infarto durante una manifestazione di protesta a Londra in occasione del vertice del G20, sarebbe stato spinto a terra da alcuni poliziotti, secondo le immagini riprese da una telecamera di un turista americano. Il 47enne Tomlinson, che lavorava in una vicina edicola, non stava manifestando, ma era semplicemente di ritorno a casa e cercava di superare il cordone degli agenti: la Commissione Indipendente che vigila sull’operato della polizia ha aperto un’inchiesta per accertare se gli agenti abbiano avuto una parte di responsabilità in quanto accaduto.

Il video che incrimina la polizia Spunta un video che prova le responsabilità della polizia nella morte del 47enne negli scontri durante il G20 di Londra. Nel filmato, pubblicato dal Guardian sul sito web, mostra la vittima, Ian Tomlinson, camminare con le mani in tasca di fronte ai poliziotti schierati, quando un agente lo spintona facendolo cadere a terra. Il 47enne è morto mercoledì dopo aver accusato un collasso mentre tornava a piedi a casa dal lavoro attraversando le strade del centro di Londra in cui in quel momento imperversavano gli scontri tra agenti e manifestanti.

Le riprese del manager di New York Il quotidiano, ha riferito che il video è stato girato da un manager di New York e ha scritto che un agente ha colpito Tomlinson alla gamba con un manganello sorprendendolo alle spalle. Questo particolare però non è chiarito dallle immagini. La polizia aveva raccontato di essere stata allertata da un passante secondo il quale Tomlison aveva avuto un collasso e non respirava più, che i manifestanti aveno lanciato oggetti contro gli agenti che cercavano di rianimarlo, e che l’uomo era poi morto in ospedale. “Stiamo cercando di recuperare questa prova”, ha detto un portavoce della polizia.

IlGiornale.it

Annunci

9 aprile 2009 at 10:26 Lascia un commento

Stop marcia ebrei in citta’ araba

Manifestazione fermata dopo mezzora, scontri con popolazione (ANSA) – TEL AVIV, 24 MAR – Su ordine della polizia, si e’ conclusa mezz’ora dopo l’inizio la manifestazione di estremisti ebrei nella citta’ araba di Um el-Fahem.La marcia del centinaio di dimostranti e’ stata protetta da vicino da due autobus blindati. Agenti sono stati costretti a ricorrere a gas lacrimogeni per tenere la popolazione araba a distanza di sicurezza. Si ha notizia di alcuni contusi, fra i quali il vicecapo della polizia israeliana, Shar Ayalon, e il deputato Ilan Ghilon del partito di sinistra Meretz.

ANSA.it

24 marzo 2009 at 10:15 Lascia un commento

INTERCETTAZIONI: CICCHITTO, INCREDIBILE CHE GENCHI SIA ANCORA IN POLIZIA

Roma, 13 mar. – (Adnkronos) – ”Indipendentemente dall’esito della perquisizione dei Ros dei carabinieri nell’appartamento e negli uffici di Gioacchino Genchi, ma solo sulla base di quello che e’ emerso finora nel Copasir e in altre sedi, e’ semplicemente incredibile che Genchi rimanga ancora in servizio nelle forze della PS. Del resto e’ stato fonte di interrogativi, che non hanno avuto risposte convincenti, il fatto che un dirigente della PS abbia svolto dal ’95 ad oggi attivita’ di questo tipo con una societa’ privata”. Lo afferma Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputati del Pdl.

Adnkronos Politica

15 marzo 2009 at 13:27 Lascia un commento

Politkovskaya, assolti i quattro imputati per l’omicidio della giornalista

Anna Politkovskaya

Sono stati assolti i quattro imputati al processo per l’uccisione della giornalista Anna
Politkvoskaya, assassinata a Mosca nell’ingresso della sua abitazione nell’ottobre 2006. I dodici giurati, dopo circa tre ore di camera di consiglio, hanno ritenuto non provate le responsabilita’ degli imputati.

Si tratta dell’ex dirigente della polizia moscovita Serghei Khadzhikurbanov, accusato di essere l’organizzatore del delitto per conto di un mandante non ancora identificato; dei fratelli ceceni Dzhabrail e Ibragim Makhmudov, presunti ‘pedinatori’ della giornalista, mentre un terzo fratello, Rustan, è tuttora ricercato all’estero come presunto killer.

Al quarto imputato, l’ex colonnello dei servizi segreti Pavel Riaguzov, erano contestati reati minori insieme allo stesso Khadzhkurbanov: abuso d’ufficio ed estorsione. Riaguzov, in particolare, avrebbe fornito l’indirizzo della Politkovskaia al
gruppo ceceno secondo l’accusa, che esce pero’ sonoramente sconfitta dal verdetto

Figure comunque di secondo piano, in assenza dell’individuazione di un preciso mandante.

RaiNews24

19 febbraio 2009 at 17:04 Lascia un commento

Polizia choc, agenti drogati in servizio

Poliziotti in servizio, sotto l’effetto della cocaina. Intercettati al telefono mentre pattugliano la città in divisa e confessano al collega di essersi drogati solo qualche minuto prima. “Mi sono appena “fatto” di cocaina”, dicono almeno un paio di loro: le conversazioni rientrano nell’indagine su di un traffico di stupefacenti che stamani ha portato all’esecuzione di undici misure di custodie cautelare. Tra le persone arrestate per spaccio di droga ci sono due poliziotti genovesi che attualmente lavorano presso questure della Lombardia e del Piemonte. Ma la procura del capoluogo ligure ha anche spiegato che tra i clienti dei trafficanti, protagonisti di numerose feste private a base di cocaina, ci sarebbero “da dieci a venti poliziotti in servizio presso gli uffici della questura di Genova”. Tutti gli agenti sono stati segnalati alla locale prefettura in qualità di consumatori di sostanze stupefacenti.

L’inchiesta, coordinata dal pm Vittorio Ranieri Miniati, è stata aperta in maniera del tutto casuale nell’estate del 2007. Gli investigatori avevano allora messo sotto controllo il telefono cellulare di Massimo Pigozzi, uno dei “torturatori” della caserma di Bolzaneto. Pigozzi nel luglio scorso è stato condannato a tre anni e due mesi di reclusione – pena prossimamente prescritta – per aver “strappato” la mano di un no-global, divaricandogli le dita fino a lacerare la pelle e i legamenti. Il poliziotto, attualmente sospeso dal servizio, ero però finito nei guai anche due anni fa perché accusato di aver violentato nelle guardine della questura genovese tre prostitute straniere. Ed è proprio nel corso di questa indagine che erano state disposte le intercettazioni sul telefonino suo e di alcune persone a lui vicine.

Ascoltando diverse chiacchierate, gli investigatori hanno scoperto un “giro” di cocaina che coinvolgeva più di un poliziotto – non Pigozzi – come spacciatore o consumatore. Secondo la procura, la mini-organizzazione di cui facevano parte come intermediari gli agenti arrestati, gestiva un traffico di due etti di cocaina alla settimana. La droga se la procurava un pregiudicato finito a sua volta in prigione, e veniva quasi sempre distribuita nel corso di feste tra amici organizzate a Genova e nel Tigullio. Stamani sono scattate le misure cautelari: cinque persone sono finite in galera, una agli arresti domiciliari, per altre cinque sono scattati gli obblighi di dimora. Le perquisizioni negli appartamenti degli indagati avrebbero permesso di recuperare un considerevole quantitativo di stupefacente.

Vale la pena di ricordare che giusto un anno tre ispettori della squadra mobile genovese, sezioni “narcotici”, erano stati condannati a trent’anni complessivi di reclusione (ridotti a diciotto in appello) per aver venduto grossi quantitativi di droga sequestrata nel corso di operazioni di polizia.

“Mele marce. Che vanno subito eliminate. Aspettiamo il rapporto della procura e faremo tutti gli accertamenti del caso. Se davvero i nostri agenti si sono drogati, verranno immediatamente sospesi”. Salvatore Presenti, questore di Genova, sottolinea che tutta la polizia – e in particolare quella del capoluogo ligure – è “sana e professionale”.

“Lo dimostrano i risultati di tutti i giorni. E’ però possibile che qualcuno commetta degli errori. Del resto, noi non arruoliamo gente che viene da altri pianeti. I nostri uomini sono figli di questa società. Ma loro non hanno scusati, non hanno giustificazioni. E se sbagliano, pagano. Pagano più degli altri, se è il caso. Non si può essere indulgenti, con chi porta la divisa e ha due volte il dovere di comportarsi bene, di dare l’esempio”.

Presenti ha confermato l’arresto dei due poliziotti genovesi, attualmente in servizio in due diverse questure (Lodi, Asti): “Erano aggregati nel capoluogo ligure, quando sono rimasti coinvolti nei fatti oggetto dell’indagine”.

Genova la Repubblica.it

12 febbraio 2009 at 12:53 1 commento

Madagascar, uccisi 40 manifestanti a Antananarivo

Manifestazioni in Madagascar (archivio)

Almeno 40 persone, inclusi due giornalisti televisivi di cui uno straniero, sono rimaste uccise e 300 ferite ad Antananarivo, capitale del Madagascar, dopo che la polizia ha aperto il fuoco in due diverse riprese contro la folla che protestava contro il governo di fronte al palazzo presidenziale in cui alcuni manifestanti cercavano di fare irruzione.

Le autorità hanno lanciato un appello a medici e studenti di medicina chiedendo loro di accorrere negli ospedali della capitale per curare i numerosi feriti.

Fonti locali hanno riferito che circa 25mila persone sono scese in piazza a sostegno dell’ex sindaco della capitale, Andry Rajoelina, che la scorsa settimana si era autoproclamato presidente in opposizione all’attuale capo dello Stato Marc Ravalomanana. Nel corso della manifestazione di oggi, Rajoelina ha annunciato la formazione di un governo di transizione guidato da Zafitsimivalo Monja Roindefo, 43 anni, figlio del celebre esponente nazionalista Monja Jaona.

RaiNews24

7 febbraio 2009 at 18:53 Lascia un commento

Sgomberato centro sociale a Milano

(AGI) – Milano, 22 gen. – Un gruppo di circa 30 persone che si e’ per qualche istante allontanato dal corteo in corso a Milano contro lo sgombero del centro sociale ‘Cox 18’, ha lanciato uova e oggetti contro la polizia. Le forze dell’ordine hanno creato un cordone che circonda la manifestazione spontanea iniziata da via Conchetta, dove si trova il centro, posto in sicurezza stamattina dalle forze dell’ordine. I giovani che protestano contro la chiusura del centro hanno dato via al corteo danneggiando cestini per la spazzatura, cartelloni pubblicitari, pali di segnalazione dei mezzi pubblici e quanto trovano sulla loro strada. Questa mattina circa 150 giovani del centro sociale hanno bloccato per circa mezz’ora una parte della circonvallazione di Milano.

AGI News On

22 gennaio 2009 at 16:45 Lascia un commento


Feeds

Categorie

settembre: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Visite totali

  • 14,463