Posts tagged ‘maurizio gasparri’

Gasparri: vergogna, Franceschini chiede l’assegno e la sua deputata licenzia 600 persone

ROMA – “Trovo scandaloso che la sinistra faccia petizioni per i disoccupati, mentre una parlamentare del Partito democratico, la Merloni, con la sua famiglia chiude un’azienda a Torino licenziando 600 persone”. E’ quanto dice il presidente del gruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri.

“Faccio un appello a Marcegaglia- aggiunge Gasparri- perche’ si rivolga alla sua associata Merloni. E faccio un appello a Franceschini, perche’ mandi una cartolina alla sua parlamentare per evitare questa vergogna. Anche perche’- sottolinea- il governo Berlusconi ha stanziato incentivi che interessano proprio il settore aziendale in cui opera la famiglia Merloni, al fine di tenere aperte aziende e favorire l’occupazione minacciata dalla concorrenza sleale”.

Agenzia DIRE

Annunci

17 marzo 2009 at 12:09 Lascia un commento

Il Pd cambia leader, le reazioni

Maurizio Gasparri (Adnkronos)

Roma, 21 feb. (Adnkronos/Ign) – L’Assemblea del Pd ha eletto il successore di Walter Veltroni alla guida del partito: è Dario Franceschini, già vicesegretario. A stretto giro i commenti del mondo politico.

“Il successore di Veltroni – dichiara il presidente del gruppo Pdl al Senato Maurizio Gasparri – continua in una politica sbagliata dell’astio e dell’assenza di umilta’. Mini leader di transizione, verso il nulla, piu’ che un segretario e’ un diminutivo, come il suo nome. Durera’ meno dei suoi predecessori sconfitti, come un intervallo in attesa del prossimo perdente. In bocca al lupo. Anzi in bocca a D’Alema”.

Per il presidente dei deputati del Pdl Fabrizio Cicchitto, Franceschini cavalca, ”ancora una volta, le versioni piu’ rozze dell’antiberlusconismo, inventandosi che c’e’ una dittatura alle porte che va bloccata ad ogni costo. Allo stato, comunque, ci sembra che il Pd abbia piu’ un reggente che un leader, i cui problemi e i cui avversari stanno tutti dentro il Pd”.

Sulla stessa linea il commento del ministro per l’Attuazione del programma di governo Gianfranco Rotondi. ”Il Pd e’ avvitato su se stesso: anche oggi ha scelto l’antiberlusconismo come bandiera. Franceschini ha detto parole indegne su Berlusconi: povero Pd, Di Pietro se lo mangera’ a morsi”.

Il presidente dei Deputati della Lega Nord Roberto Cota sostiene che ”il banco di prova per il Pd sara’ il federalismo fiscale. Il Paese ha bisogno di riforme”. Ma ”negare l’esistenza della Padania, pero’, non e’ un buon inizio”.

Mentre il leader dell’Idv Antonio Di Pietro invita il Partito democratico ad una “opposizione intransigente al modello di governo Berlusconi, che si propone la costruzione di un’alternativa, che vede la lotta in favore delle fasce piu’ deboli, perche’ quello di Berlusconi e’ un modello tipo sudamericano, ma di quello di un tempo”. “Benedetto quel giorno in cui anche il Pd comincera’ a camminare dritto”, conclude.

Adnkronos Politica

22 febbraio 2009 at 11:49 Lascia un commento

INTERCETTAZIONI: GASPARRI, DE MAGISTRIS E’ COME PIROMANE CHE CRITICHI VIGILI DEL FUOCO

Roma, 14 feb. – (Adnkronos) – “Dopo le notizie sconcertanti sulla attivita’ di Genchi e De Magistris e’ incredibile che quest’ultimo critichi le giuste proposte del Governo. E’ come se un piromane si mettesse a criticare pubblicamente i Vigili del fuoco. Dall’attivita’ del Copasir potrebbero emergere conclusioni inquietanti tali da rendere assurdo il fatto che non siano ancora scattate le manette ai polsi di chi ha compiuto abusi incredibili, devastando la sicurezza nazionale”. Lo afferma il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri.

Adnkronos Politica

15 febbraio 2009 at 11:16 Lascia un commento

Gasparri contro Santoro e Vauro: da loro solo insulti, ma presto cacciati i gestori Rai

Michele Santoro con Marco Travaglio

“Santoro e il presunto comico Vauro sono due volgari sciacalli che vomitano insulti con le tasche piene di soldi dei cittadini. Gente così offende la verità, alimenta odio e merita solo disprezzo totale della gente perbene”. Al presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, la puntata di Anno Zero sul dramma di Eluana Englaro e sulla presunta deriva bonapartista del governo Berlusconi, andata in onda ieri sera non è proprio piaciuta. “L’insulto è la loro regola – dice – Colpa di gestori della Rai che per fortuna stanno per essere cacciati come meritano”.

“Le parole di Gasparri hanno un grande pregio, quello di illuminare la strada a chi fatica ad orientarsi nel mondo della politica”, commenta subito in una nota Silvana Mura, deputata di Idv.

“Dall’abituale scomunica del venerdì che il presidente dei senatori del Pdl lancia su Santoro e Annozero – prosegue – tutti possiamo trarre due importanti lezioni. La prima è che la colpa gravissima di Santoro e Vauro, accusati di alimentare odio, è
quella di aver riproposto le serene parole pronunciate da Gasparri sul caso Englaro. La seconda lezione è che la maggioranza si appresta ad epurare la Rai, dal momento che è lo stesso Gasparri che annuncia la ‘cacciata meritata’ dei vertici. Viene da dire che sulla Rai tutto procede come da copione”.

Fra le vignette mostrate da Vauro in chiusura di trasmissione, una tracciava un parallelo fra le ‘scalate’ di Eluana Englaro e Silvio Berlusconi: il Calvario per la prima il Quirinale per il secondo. “Anche Gasparri chiede un minuto di silenzio”, era il titolo di un’altra vignetta che ritraeva il senatore PdL con il fumetto: “Così si sentono meglio le stronzate che dico”. E poi, ancora sul dramma di Eluana: “Morta per sentenza”: “Risulta dall’autopsia su Eluana?”, chiede un personaggio. “No, da quella sul cervello di alfano”, risponde un altro. E Mentana che lascia Mediaset? “Matrix, staccata la spina a Mentana”.

RaiNews24

13 febbraio 2009 at 12:11 Lascia un commento

Intercettazioni: Gasparri, Genchi è anti-stato

Roma, 26 gen. – (Adnkronos) – “Il signor Gioacchino Genchi invece di dare consigli alle persone perbene si rechi volontariamente in Procura, o meglio ancora in un carcere a sua scelta perche’ cio’ che lui e i suoi mandanti hanno fatto e’ di una gravita’ inaudita”. Lo dice Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato.

Adnkronos Politica

26 gennaio 2009 at 09:39 Lascia un commento

RadioRai: si chiude “Il ComuniCattivo” e si apre la polemica

si chiude “Il ComuniCattivo” e si apre la polemica

Roma, 19 gen (Velino) – “Il ComuniCattivo”, programma in onda da sei anni su Radio1, non s’ha da fare più. A togliere dal 31 gennaio prossimo il microfono a Igor Righetti è stato il direttore di RadioRai, Antonio Caprarica, che il 21 gennaio presenterà alla redazione il nuovo palinsesto. Una decisione – a detta di Righetti – giunta “inattesa e immotivata”, proprio perché il “Il ComuniCattivo” (in onda il sabato alle 11 e la domenica alle 10.30) “ha saputo conquistare, giorno dopo giorno, gli ascolti (500 mila ascoltatori, il 5,1 per cento di share nel quinto bimestre 2008) tenendo sempre alta la qualità con proposte intelligenti e innovative rivolte soprattutto al pubblico dei giovani così poco considerato dall’emittente. Un classico esempio di censura di un programma d’informazione libero e innovativo. Un attacco alla libertà di espressione e d’informazione – ha concluso Righetti – un’operazione che sa tanto di epurazione”. “Piena solidarietà”, nel frattempo è giunta dal presidente del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri “nel convincimento che Righetti sia vittima degli ultimi colpi di coda di una sinistra arrogante in modo vergognoso”.


“Sono sbalordito – ha confidato Caprarica al VELINO – solo in Italia (e in Rai) capita che un direttore cambi un programma di 20 minuti e venga accusato di censura. La mia volontà censoria nei confronti del signor Righetti è tale – ha aggiunto il direttore – che in questi due anni e mezzo in cui ho diretto la radio lui è puntualmente andato in onda e mi faceva pubblici ringraziamenti per la libertà editoriale riservatagli. Penso che un direttore abbia il diritto dopo 1.400 puntate di cambiare, di sperimentare. E così ho deciso di far spazio nel weekend ai cicli. Partiremo – ha aggiunto Caprarica – al sabato con il maestro Uto Ughi e il ciclo ‘l’orchestra e il violino’. Alla domenica, invece, spazio a al ventennale del 1989, affidato a Italo Moscati. L’anno in cui è caduto il muro di Berlino”. Sugli ascolti del “ComuniCattivo”, Caprarica ha chiosato: “Sono in forte calo nel 2008, conterà anche il fatto che Righetti va in onda da 1400 puntate? Siamo proprio il paese dei martiri, non si può andare avanti così”.
Il Velino

19 gennaio 2009 at 20:35 Lascia un commento


Feeds

Categorie

novembre: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Visite totali

  • 14,495