Posts tagged ‘george bush’

Iraq: scarpe contro Bush, condannato

Giornalista iracheno scontera’ 3 anni di carcere (ANSA) – BAGHDAD, 12 MAR – E’ stato condannato a 3 anni di carcere Muntazar al Zaidi, il giornalista iracheno che lancio’ le sue scarpe contro George W. Bush. Il lancio avvenne il 14 dicembre scorso durante l’ultima conferenza stampa in Iraq di Bush da presidente degli Stati Uniti. Lo riferisce la Tv al Baghdadiya, l’emittente per la quale lavorava al Zaidi. Al Zaidi, 30 anni, con il suo gesto e’ diventato una sorta di ‘eroe’ per molti iracheni e molti arabi.

ANSA.it

13 marzo 2009 at 10:23 Lascia un commento

AFGHANISTAN: PENTAGONO, VOGLIAMO L’AIUTO DELLA CINA

Pechino, 28 feb. – (Adnkronos) – Gli Stati Uniti mirano a coinvolgere maggiormente la Cina nel processo di stabilizzazione in Afghanistan e Pakistan, Paesi dei quali e’ confinante. A sottolineare il ruolo che la nuova amministrazione di Washington si aspetta da Pechino e’ stato David Sedney, vice assistente del segretario alla Difesa impegnato nei colloqui militari tra i due Paesi ripresi a Pechino dopo la sospensione decisa nel novembre scorso, a seguito della decisione dell’allora presidente George W. Bush di vendere armi a Taiwan per un valore di 6,5 milioni di dollari.

Adnkronos Esteri

1 marzo 2009 at 11:05 Lascia un commento

Iraq: una statua in onore lanciatore di scarpe contro Bush

(AGI) – Tikrit (Iraq), 29 gen. – E’ sempre piu’ popolare in patria Muntazer al-Zaidi, il 38enne giornalista iracheno o’ ambedue le scarpe contro l’ex presidente americano, George W.

Bush, in occasione della visita di commiato di quest’ultimo a Baghdad, il 14 dicembre scorso. A Tikrit, la citta’ natale di Saddam Hussein, e’ stata addirittura eretta in suo onore un’enorme statua in bronzo, che rappresenta proprio una scarpa, all’interno della quale e’ stato piantato un alberello simbolo di fertilita’; anche se pare sia in plastica. La scultura, alta piu’ di 3 metri e opera dall’artista iracheno Laith al-Ameri, e’ stata collocata nel giardino di una fondazione che si occupa di bambini rimasti senza genitori durante l’invasione americana del 2003. “Muntazer, digiuniamo finche’ la spada non interrompera’ il suo digiuno con il sangue. Taciamo finche’ la nostra bocca non pronuncera’ la verita’”, recita un cartiglio scolpito sotto alla gigantesca scarpa bronzea. “Muntazer al-Zaidi, un eroe che ha contribuito a rendere orgoglioso il popolo dell’Iraq”, lo ha definito un rappresentante della fondazione di fronte ad alcune centinaia di persone. Dopo aver tirato le scarpe contro Bush e averlo definito un “cane”, uno dei peggiori insulti per la cultura islamica, il giornalista fu arrestato con l’accusa di aggressione contro un capo di Stato straniero durante una visita ufficiale. Se riconosciuto colpevole, rischia fino a quindici anni di carcere. Nel frattempo e’ sempre rimasto chiuso in una cella.

AGI News On

29 gennaio 2009 at 21:05 Lascia un commento

Joe Biden: “In Afghanistan Bush ci ha lasciato in un vero casino”

Joe Biden

Il neo vicepresidente degli Stati Uniti, Joe Biden non ha peli sulla lingua e senza mezzi termini racconta che in Afghanistan l’amministrazione Bush “ci ha lasciato in eredità un vero casino”. Biden, intervistato dalla Cbs, attacca la gestione del conflitto afghano da parte di un Bush troppo concentrato in Iraq.

Ciò ha portato “i talebani ha riconquistare una parte significativa del territorio” e ha fatto decollare la produzione di droga : “Il 95% dell’oppio e dell’eroina prodotte nel mondo provengono dall’Afghanistan”.

Il numero due, che si è augurato di diventare “un confidente, un consigliere” per Barack Obama piuttosto che un vicepresidente alla Dick Cheney, ha anche criticato “alcuni alleati per non aver rispettato l’impegno di addestrare l’esercito e la polizia afghane”. Biden ha confermato che gli Usa incrementeranno il loro impegno in Afghanistan dove, teme, ci sarà “un balzo nelle vittime Usa”.

RaiNews24

26 gennaio 2009 at 01:00 Lascia un commento

Obama, nuova svolta anti Bush tornano i fondi ai gruppi pro-aborto

Obama, nuova svolta anti Bush tornano i fondi ai gruppi pro-aborto

WASHINGTON – La rivoluzione Obama comincia ad abbattere i primi pilastri dell’era Bush. A poche ore dall’insediamento, il presidente democratico sta per siglare lo sblocco dei fondi federali ai gruppi internazionali che promuovono o effettuano l’aborto. Il provvedimento era stato già preannunciato nel programma di Obama come una delle prime misure ad essere varate.

L’attuale legislazione impedisce che il denaro dei contribuenti americani – di solito attraverso il canale dell’Agenzia per lo Sviluppo internazionale – sia utilizzato a vantaggio di organizzazioni di pianificazione familiare che offrano operazioni di interruzione di gravidanza o facciano opera di informazione, consulenza e indirizzamento a strutture che effettuano gli aborti.

Conosciuta anche come “Global gag rule” o “Mexico City Policy”, è stata introdotta per la prima volta ai tempi della presidenza Reagan (nel corso di una conferenza Onu nella capitale messicana nel 1984) e poi revocata e reintrodotta dalle successive amministrazioni democratiche e repubblicane. Bill Clinton l’aveva revocata nel 1993, ma era tornata come uno dei primi atti di George W. Bush al suo primo ingresso alla Casa Bianca nel 2001.

Obama ha scelto di firmare il provvedimento in un’occasione di “basso profilo” – dice l’Associated Press – il giorno dopo il 36esimo anniversario, celebrato ieri, della famosa sentenza Roe v. Wade con cui la Corte Suprema legalizzò l’aborto.

Il provvedimento non è una sorpresa, dal momento che sia Obama sia il segretario di Stato Hillary Clinton, che sovraintende agli aiuti internazionali, l’avevano introdotto tra le loro promesse in campagna elettorale. Ma nelle primissime ore della sua presidenza, finora, Barack Obama ha scelto sì di rovesciare le politiche Bush ma sempre su argomenti abbastanza condivisi, come la necessità di chiudere il campo di prigionia di Guantanamo o rendere più trasparenti i documenti pubblici. —
OAS_RICH(‘Middle’);
//–>

Le associazioni antiabortiste si sono scatenate e i vescovi si sono detti “molto preoccupati per il deciso sostegno di Obama al diritto all’aborto”. Ai microfoni della Radio Vaticana il vescovo di Orlando, monsignor Thomas Gerard Wenski, ha detto che “i vescovi sono impegnati a convincere la gente a contattare i rappresentanti in Congresso affinché si oppongano a qualsiasi iniziativa legislativa tesa ad ampliare il diritto all’aborto”.

Repubblica.it

23 gennaio 2009 at 19:19 Lascia un commento

USA: sito casa bianca attacca Bush, irresponasabile incapacità per Katrina

Washington, 21 gen. (Adnkronos) – Da senatore, Barack Obama e’ stato tra i piu’ accesi critici del modo in cui l’amministrazione Bush ha abbandonato a stessa la popolazione, in stragrande maggioranza afroamericana, di New Orleans ai tempi dell’urgano Katrina. Ora che Obama e’ presidente, quelle critiche arrivano sullo stesso sito della Casa Bianca che ieri esattamente alle 12.01, un minuto dopo il giuramento, e’ apparso nella nuova veste ‘democratica’.

Adnkronos Esteri

21 gennaio 2009 at 12:31 Lascia un commento

USA: Obama, Bush è una brava persona che ama il nostro paese

Washington, 17 gen. – (Adnkronos) – “Ho sempre pensato che Bush sia un ‘good guy’, una brava persona che ama la sua famiglia ed il suo paese”. A pochi giorni dal passaggio di consegne ufficiale alla Casa Bianca, Barack Obama parla in termini positivi del suo predecessore dopo aver tante volte in questi due anni di campagna elettorale condannato le sue “politiche fallimentari”. Non solo, per Obama il presidente uscente “ha preso le migliori decisioni che poteva in alcune occsioni prendere in situazioni molto difficili: questo – ha subito aggiunto in un’intervista alla Cnn – non significa che ho cambiato idea riguardo al fatto che negli ultimi anni sono state fatte una serie di scelte negative di cui ora noi ereditiamo le conseguenze”.

Adnkronos Esteri

18 gennaio 2009 at 11:12 Lascia un commento

Articoli meno recenti


Feeds

Categorie

luglio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Visite totali

  • 14,427