Il car sharing convince, 16 mila utenti in 11 città italiane

9 aprile 2009 at 10:24 Lascia un commento

ROMA – La voglia di auto condivisa cresce in Italia. Sono infatti in costante aumento gli italiani meno “auto-dipendenti” che aderiscono al car sharing e si allarga la platea delle città in cui è attivo questo servizio, tassello essenziale per la mobilità sostenibile. La conferma viene dai numeri: circa 16.000 gli utenti stimati del car sharing, 11 le città e 8 le province che lo hanno già attivato e presto sarà presente in altre tre città; gli abbonamenti sono 12.544 (nel 2007 erano 9.488), le auto a disposizione 474 (359 nel 2007).

Lo stato dell’arte del car sharing in Italia è stato tracciato nel corso del IV Forum Nazionale del Car Sharing organizzato da Ics -Iniziativa Car Sharing- che si è svolto a Roma ed in cui è stata presentata una ricerca sul gradimento, la percezione e l’immagine del car sharing in Italia. Nel corso del Forum sono stati illustrati i risultati ottenuti grazie all’accordo tra Ics e Coop, promosso nel 2006 dal ministero dell’Ambiente, per accedere al servizio di car sharing a costi vantaggiosi e sono stati premiati sette soci scelti fra coloro che hanno maggiormente usufruito del servizio.

“La ricerca- spiega Marco Mastretta, direttore di Ics- ha dimostrato che il servizio di car sharing è molto gradito agli utenti e soddisfa esigenze reali di mobilità in modo professionale. D’altra parte emerge la necessità di un’informazione più capillare per sfruttare i margini di espansione ancora ampi che esistono”.

Risparmio, rispetto dell’ambiente, semplicità e flessibilità di utilizzo sono le tre carte vincenti del car sharing. Secondo le stime, percorrendo in media 10.000 chilometri l’anno, si possono risparmiare fino a 2.000 euro in minori spese di gestione, rispetto a un’auto di proprietà. Inoltre, ogni auto in car sharing sostituisce circa 16 auto private, cosicché, grazie a loro, in Italia nel 2008 hanno circolato 7.400 auto in meno e si sono percorsi 29 milioni di chilometri in meno, con indubbi vantaggi per l’ambiente e per il traffico cittadino.

Dire

Entry filed under: Attualità. Tags: , , , , .

Ronde padane, il Governo ci ripensa: via dal decreto sicurezza G20, video incastra agenti “L’uomo morto fu spinto”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

aprile: 2009
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Visite totali

  • 14,098

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: