Acerra, si accende il termovalorizzatore. Berlusconi: ”E’ una nuova partenza”

27 marzo 2009 at 08:12 Lascia un commento

Napoli, 26 mar. – (Adnkronos/Ign) – Inaugurato oggi, dopo anni di proteste, manifestazioni e cortei, il termovalorizzatore di Acerra. Alla cerimonia, iniziata proiettando un video tratto dalla puntata di ‘Annozero’ del 22 maggio 2008 in cui si vedono momenti della fase acuta dell’emergenza rifiuti, è presente il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi accompagnato dal sottosegratario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, dal sottosegretario con delega all’emergenza rifiuti Guido Bertolaso e dal suo vice generale Franco Giannini. Per l’inaugurazione della struttura ci sono tra gli altri, il ministro Stefania Prestigiacomo, il governatore della Campania Antonio Bassolino ed anche il sindaco di Milano, Letizia Moratti.

”Lo Stato c’è e continuerà ad esserci. Noi siamo qui e abbiamo la possibilità di inaugurare questo termovalorizzatore perché lo Stato è tornato”., ha detto il premier che ha aggiunto. “Questo non è arrivo ma è partenza”.

Quindi una stoccata ai precedenti governi di sinistra che consideravano ”le proteste di minoranze organizzate dimostrazioni democratiche”. ”Noi la pensiamo esattamente al contrario e per far rispettare le decisioni di istituzioni democratiche, lo abbiamo fatto anche attraverso l’uso della forza mettendo in campo le forze dell’ordine e l’esercito. Continueremo in questa direzione” ha affermato il premier che questa mattina, nel corso della trasmissione ‘Panorama del giorno’ aveva parlatto di una ”data storica per la Campania e per Napoli. Con questo impianto, aveva detto, “si esce dall’emergenza definitivamente, non si tornerà più alla situazione e alla tragedia che ha angosciato i cittadini napoletani e campani per diversi anni, perché si entra in una fase di smaltimento dei rifiuti che possiamo definire industriale”.

“C’è stato un impegno forte determinato e serio per portare lo Stato a fare lo Stato e oggi queste bandiere segnano il ritorno dello Stato anche ad Acerra”, ha detto Gianni Letta che ha voluto tranquillizzare i cittadini: “La loro preoccupazione è la nostra preoccupazione perché nessuno affronta soluzioni che non diano sufficienti garanzie. Credo che tutti gli studi che sono stati fatti dimostrano con assoluta chiarezza che si puo’ essere tranquilli”. “Questa struttura è migliore di quelle situazioni che abbiamo visto nei mesi scorsi con terrore, sgomento e con gravissimo danno della salute dei cittadini”, prosegue il sottosegretario Letta che, infine, sul problema dello smaltimento delle ecoballe osserva: “E’ un problema che dobbiamo risolvere, un poco alla volta vedremo come risolvere tutti i problemi”.

Illustrando le potenzialità del termovalorizzatore Guido Bertolaso ha invece sottolineato che l’impianto porterà ad una diminuzione del fabbisogno di discariche pari a quanto smaltisce una discarica ogni anno. “I risultati si vedono. La raccolta differenziata sta crescendo ed è arrivata ad una media regionale in Campania del 20%”, ha detto Bertolaso che sottolinea: “E’ un impianto estramamente moderno che dallo smaltimento dei rifiuti produrrà energia elettrica pulita”. Il sottosegretario all’emergenza rifiuti ha quindi ringraziato tutti per l’impegno profuso nel contrastare l’emergenza dal governo al presidente della Repubblica al cardinale Sepe: “Avevamo il sogno di avere la Campania pulita e riportare Napoli al posto che le compete tra le città più belle del mondo e credo che questo sogno lo stiamo realizzando”, ha concluso tra una standing ovation dei presenti.

Dotato da tre linee di produzione, tre forni e tre camini, alti quanto dei grattacieli, oltre cento metri, sorge su un’area di circa 10 mila metri quadrati. I lavori di questo impianto, contestato a lungo dal ”popolo del no” sono iniziati ad agosto del 2004. Inizialmente era previsto che l’inaugurazione avvenisse poco più di tre anni dopo: nell’autunno del 2007. La svolta è arrivata a giugno dello scorso anno quando con il nuovo governo Berlusconi, l’iniziativa di portare a termine un’opera incompleta è stata presa da Guido Bertolaso. Il sottosegretario assicurò che entro 9 mesi Acerra avrebbe aperto. E così è stato.

Oggi è entrata in funzione la prima linea di produzione, poi, secondo quanto previsto dalla legge, entro giugno andranno in funzione anche le altre due. Nel termovalorizzatore di Acerra finiranno ogni giorno circa 2 mila tonnellate di rifiuti, per un totale di oltre 700 mila l’anno, pari a circa un terzo di tutta la spazzatura prodotta in Campania. La spazzatura che convergerà su Acerra proviene dagli ‘stir’ di Caivano e Giugliano (comuni del napoletano), da Santa Maria Capua Vetere (Caserta), Casalduni (Benevento), Pianodardine (Avellino) e Battipaglia (Salerno).

Entry filed under: Attualità. Tags: , , , , , , , , , , , .

Il Villarreal da’ un calcio alla crisi, abbonamenti gratis ai disoccupati L’ira della Finocchiaro sui cattolici pd “Gettati al vento tre anni di lavoro”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Visite totali

  • 14,098

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: