120mila sieropositivi in Italia, ma 60mila non lo sanno

19 marzo 2009 at 10:10 Lascia un commento

Il logo della lotta all'Aids

L’Aids è una malattia sempre più “sommersa”. Sui 120.000 sieropositivi italiani, si stima che circa la metà non sa di esserlo: 60.000 persone che si ritengono sane e che continuano con atteggiamenti sessuali a rischio, con le prevedibili conseguenze sul piano della diffusione dell’epidemia. E’ l’allarme di Stefano Vella, Direttore Dipartimento del Farmaco dell’Istituto Superiore di Sanita’, intervenuto alla presentazione dell’HIV Summit Italia 2009, in programma domani a Roma e organizzato da un gruppo indipendente di esperti.

In Italia, ha ricordato Vella, dall’inizio dell’epidemia si sono verificati oltre 60.000 casi di Aids. Al picco di nuovi casi di malattia conclamata, rilevato nel 1995, ha fatto poi seguito una rilevante diminuzione dell’incidenza, attribuibile all’introduzione di terapie antiretrovirali combinate sempre piu’ potenti.

Negli ultimi anni, pero’, la curva epidemica e’ pressoche’ stabile. Ciò è in gran parte dovuto a di un ritardo nell’accesso alla terapia antiretrovirale. Infatti, oltre il 60% dei pazienti a cui viene posta oggi una diagnosi di Aids non ha effettuato terapia antiretrovirale prima della diagnosi stessa.

“Tale fenomeno è la conseguenza della mancata conoscenza dello stato di sieropositivita’. Infatti, se all’inizio degli anni ’90, solo una persona su 5 (circa il 20% del totale dei nuovi casi di AIDS) veniva a conoscenza del proprio stato di sieropositivita’ al momento della diagnosi di Aids o poco prima (negli ultimi 6 mesi prima della diagnosi di malattia conclamata), oggi questo avviene in piu’ di un caso su due (per la precisione, quasi nel 60% dei casi)”.

Il ritardo nell’esecuzione del test non e’ solo un fenomeno italiano, ma e’ comune a diversi Paesi europei. Quali siano le cause del ritardo diagnostico non e’ noto, ma esistono certamente dei fattori di tipo demografico, comportamentale e psico-sociale, alcuni dei quali sono stati identificati.

“Ad esempio, chi vive al sud o nelle isole ha una maggiore probabilita’ di arrivare tardi al test rispetto a chi vive al nord, mentre gli stranieri sono in assoluto coloro che hanno il rischio maggiore di arrivare tardi al test. Maggiore e’ la probabilita’ di test ritardato nei maschi e, soprattutto, nei non tossicodipendenti.

Il ritardo nell’accesso al test rappresenta un indicatore importante di quello che definiamo il fenomeno del “sommerso”. Anche se non sono disponibili stime accurate, si ritiene che le persone sieropositive in Italia siano circa 120.000.

RaiNews2

Entry filed under: Uncategorized. Tags: , , , , , , .

La Cina ferma la Coca Cola bloccato l’acquisto della Huiyan Pena morte: abolita in New Mexico

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Visite totali

  • 14,098

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: