“Ho trovato 14 siti possibili”, ma lo scienziato boccia il nucleare

17 marzo 2009 at 12:07 Lascia un commento

ROMA – Una lista di siti individuata per “un esercizio tra amici”, per di più “di area ambientalista”, una lista fittizia, quindi, ma non troppo lontano da quella ‘vera’, visto che le caratteristiche necessarie a realizzare una centrale nucleare son quelle. E’ la lista che solleva proteste in ognuna delle 14 località individuate come potenziale sede di una centrale nucleare, lista redatta da Francesco Meneguzzo, scienziato del Cnr, esperto di energia e innovazione, che lavora presso l’Ibimet di Firenze, che lo ‘confessa’ al ‘Foglietto’ di Usi/Rdb Ricerca, il sindacato di base dei lavoratori della ricerca, on line domani. Ma Meneguzzo sul nucleare ha le idee chiare: “Si tratta di un modello energetico fallimentare”.

Insomma, da quasi un anno il suo studio sulle 14 località (Monfalcone, Chioggia, Ravenna, Caorso, Trino, Fossano, Scarlino, San Benedetto del Tronto, Latina, Termoli, Garigliano, Mola di Bari, Scanzano Ionico, Palma e Oristano) che avrebbero i requisiti per ospitare centrali nucleari, crea aspre polemiche, riesplose nei giorni scorsi dopo l’accordo tra Silvio Berlusconi e Nicolas Sarkozy per realizzarne 4 in Italia. Meneguzzo, raggiunto dal ‘Foglietto’, ha accettato di rispondere ad alcune domande. Dello studio si dichiara “coautore, a dire la verità, con altri amici anche più esperti della materia”. Si è trattato di “un esercizio tra amici, di area ambientalista. Io sono iscritto ai Verdi- aggiunge- ma non posso dire che l’esercizio sia stato commissionato da loro”.

Lo studio “può essere considerato uno ‘screening preliminare’- aggiunge lo scienziato del Cnr all’Ibimet di Firenze- probabilmente non tutti i criteri sono stati tenuti in considerazione, ma scommetterei di non essere andato troppo lontano dai risultati di un eventuale studio più rigoroso. Del resto, da qualche parte queste centrali andranno pure installate”.

Il ‘Foglietto’ chiede a Meneguzzi se non sarebbe più utile uno studio per l’individuazione di siti dove investire in fonti alternative al nucleare. “Ovviamente sì- risponde- anche non avendo niente contro il nucleare, non si può sorvolare sul fatto che l’uranio 235 estratto oggi non è sufficiente a coprire il fabbisogno delle centrali esistenti, e non si vede come ne possa essere estratto di più in futuro”.

Agenzia DIRE

Entry filed under: Attualità. Tags: , , , , , , , .

Consulenze d’oro, nuove indagini sul sindaco Moratti Gasparri: vergogna, Franceschini chiede l’assegno e la sua deputata licenzia 600 persone

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Visite totali

  • 14,108

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: