Iraq, è italiano il primo ‘turista’ a Falluja

7 febbraio 2009 at 19:47 Lascia un commento

L'articolo del New York Times nella versione on line

Baghdad, 7 feb. (Adnkronos) – E’ italiano il primo turista nella città irachena di Falluja, cuore del ‘triangolo sunnita’ in cui dopo la caduta di Saddam Hussein si è concentrata la resistenza di al Qaeda e dei baathisti contro il nuovo governo iracheno e i militari stranieri. Si chiama Luca Marchio, 33enne di Como, ed è riuscito a rimanere solo poche ore nella città, teatro delle azioni più cruente della guerra. Il New York Times gli dedica una storia.

La sua avventura infatti non è durata molto, appena è stato individuato a un posto di blocco iracheno, mentre si trovava ancora sull’autobus che lo portava da Baghdad a Falluja, è stato trasferito al quartier generale della polizia della città, circondato da agenti sorpresi. ”Sono un turista. Voglio visitare le città più importanti del Paese. Questa è la ragione per cui sono qui ora. Voglio vedere e comprendere la realtà perché non sono mai stato qui e penso che ogni paese al mondo debba essere visto”, ha dichiarato candidamente nell’intervista telefonica concessa al quotidiano americano.

Marchio è stato costretto a lasciare prima di sera Falluja, la città tornata relativamente tranquilla solo da poco grazie al coinvolgimento delle milizie sunnite locali e l’aumento delle forze americana coordinate dal generale David Petraeus. ”Le autorità mi hanno spiegato che non potevo rimanere perché non vi erano alberghi. Mi hanno suggerito di fare un giro veloce e poi di tornare a Baghdad”, ha spiegato.

L’ambasciata italiana a Baghdad ha poi ricostruito l’itinerario solitario di Marchio, che è arrivato in Egitto dall’Italia, poi in Turchia, da dove è entrato in Iraq via terra. Una fotocopia del suo passaporto dimostra che ha ottenuto alla frontiera un visto di dieci giorni per entrare nel Kurdistan. Poi ha proseguito in taxi, da Erbil a Baghdad, dove ha soggiornato al Coral Palace, un albergo che non riceveva la visita di un turista occidentale dall’invasione americana del marzo del 2003. Il suo caso ha creato scalpore: la polizia irachena ha convocato i giornalisti locali per raccontare loro di Marchio, anche i marines americani ne sono stati informati, così come l’ambasciata italiana. Per stabilire infine che non era un jihadista, ma solo un turista. Il primo.

Adnkronos Esteri

Annunci

Entry filed under: Attualità estera. Tags: , , , , , , , , .

Madagascar, uccisi 40 manifestanti a Antananarivo Dell’Utri e i guai del ping pong atleti senza paga, parte la causa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

febbraio: 2009
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
232425262728  

Visite totali

  • 14,429

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: