La sinistra italiana si divide

31 gennaio 2009 at 22:26 1 commento

Intellettuali di prestigio si presenteranno alle europee con l’ex giudice Di Pietro

Roma – Andrea Camilleri, l’ottantenne maestro del romanzo giallo italiano, nelle ultime elezioni generali ha appoggiato il Partito Democratico (PD): “L’ho votato malvolentieri”. Nove mesi dopo, l’atteggiamento del PD di Walter Veltroni lo ha deluso a tal punto che lo scrittore siciliano ha deciso di entrare in politica.

Attivo e in forma come sempre, Camilleri ha pubblicato ieri il suo nuovo libro “Un sabato con gli amici”, e ha fatto sapere di aver formato una coalizione con l’ex giudice Antonio di Pietro, leader dell’Italia dei Valori e il filosofo Paolo Flores D’Arcays, direttore della rivista Micromega. Lo scopo è concorrere alle elezioni europee di giugno con una formazione che si chiamerà Partito dei Senza Partito (PDSP).

L’abbandono del giacobino Flores e della stella Camilleri è l’ultimo sintomo della dissoluzione di un centro sinistra diviso in correnti, accusato di eccessiva compiacenza con il Governo di Silvio Berlusconi, arroccato in una posizione così sottomessa da ispirare una sola parola: noia.

All’opposizione, il promettente PD di due anni fa si è rivelato una mera comparsa. Senza ambizioni, senza energia, senza capacità di influire, si direbbe che le uniche cose per cui ha spiccato siano state la propria divisione interna e i casi di corruzione comunale-provinciale-regionale, con in testa Napoli e il megascandalo del costruttore Alfredo Romeo (17 imputati). È la cosidetta questione morale: arresti, inchieste, clientelismo…Bari, Sardegna, Pescara, Basilicata. Come se di colpo il PD, rara amalgama tra ex democristiani ed ex comunisti, avesse recuperato le vecchie abitudini della Democrazia Cristiana.

A parte questo, c’è poco da raccontare: scarse idee sull’immigrazione, ancor meno proposte per uscire dalla crisi economica, nessuna notizia del promesso cambio generazionale e via libera senza opporre resistenza al Lodo Alfano, la cosiddetta legge salva-Berlusconi.

Dopo vari mesi di inattività, il “Governo ombra della sinistra ombra”, come si incomincia a conoscere in Italia, è caduto nei sondaggi al 25% (33.1% nelle elezioni di aprile, un punto in meno dopo la manifestazione di ottobre). È il suo minimo storico, anche se ieri Veltroni si è consolato dicendo che la cifra non è mai stata tanto alta dai tempi dei Democratici di Sinistra (DS) e della Margherita e ha richiamato il suo schieramento a rimediare: “Basta farci del male da soli”.

In parallelo, anche Berlusconi con le sue burle ha perso popolarità (il partito è al 38% anche se lui va per il 56%) e Di Pietro con i suoi modi diretti e qualche volta irascibili, però sempre disposto a sudare, ha sommato i resti ed è salito al 9.5%. Mentre, il grido xenofobo della lega Nord arriva orgogliosa ad un 11.5%. Secondo il sociologo Nando Pagnoncelli, di Ipsos, “la distanza totale tra destra e sinistra è, in questo momento, la maggiore della storia italiana, 55% contro 40%.

La leadership di Veltroni è così precaria che persino la moglie di Berlusconi, Veronica Lario, si sente delusa. “Mi piaceva Veltroni. Però si è offuscato. Io non vedo nessuno capace di occupare il suo posto. Ci vorrebbe uno giovane, nuovo. L’Italia ha bisogno di una opposizione forte. Questo aiuterebbe la maggiorranza a sforzarsi di più, ad essere migliore” ha dichiarato alla Stampa. Indiscutibile.

La paralisi del progetto riformista è nota. Forse la miglior prova è stata la riunione convocata per accordarsi sulla posizione del partito di fronte al caso di Eluana Englaro – la donna di 37 anni che si trova in coma vegetativo da 17 anni ed il cui padre lotta perchè qualche ospedale stacchi la sonda che l’alimenta nonostante gli impedimenti del Governo – e sulla legge sul testamento biologico. Dopo aver parlaro per ore, si è terminato senza accordo tra cattolici e laici.

I possibili sostituti non entusiasmano molto di più. Massimo D’Alema già parla solo in nome suo e quello dei suoi “italiani europei”. Francesco Rutelli è impegnato nel creare una commissione d’inchiesta sulle intercettazioni giudiziarie.

La buona notizia per Veltroni è che la vera sinistra, che aspettava di poter rinascere alle europee, non otterrà deputati se non supera il 4% dei voti. Il patto Veltroni-Berlusconi allevierà il prevedibile disastro del PD. È il Veltrusconismo, l’alleanza dei leaders massimi. Camilleri lo chiama il “medioevo Berlusconiano”. Per uscire da questo, dice, ci vorrebbe “un gruppo di persone oneste che non hanno precedenti penali, che non hanno mai fatto politica prima e che decidano di farla in questa situazione di emergenza”. Ha detto niente.

Italia dall’Estero

Annunci

Entry filed under: Politica. Tags: , , , , , , .

IDV: offese a Napolitano, a Roma camere penali denunciano Di Pietro Top manager italiani guadagnano 243 volte più di impiegati e operai

1 commento Add your own

  • 1. lucyvanpelt  |  2 febbraio 2009 alle 13:10

    Da elettrice di sinistra quale sono, il mio unico obiettivo in questo momento tragico per la sinistra italiana, è quello di esaminare elementi di una nuova classe dirigente al suo interno.

    Tolta la Bresso, tolto pure Soru, alcuni amministratori locali di sinistra mi hanno attirato per idee e spregiudicatezza. il presidente della provincia di Firenze, Matteo Renzi, sfida apertamente vecchie logiche di partito, e si candida alle primarie come sindaco sfidando il candiato weltroniano e quello dalemiano.
    Zingaretti, altro presidente di provincia da seguire, cosparge i comuni di reuter wifi, e per la giornata della memoria celebra ogni anno diplomati e nuovi frequentanti di un master di secondo livello in didattica della shoah dell’università di roma tre, dichiarando che la formazione, il senso critico e lo studio sono le uniche cose che contano in questo momento. ma vi sembra poco? non pensate che sia utile cominciare a parlare di nuovi possibili leader a sinistra, in modo sistematico?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

gennaio: 2009
L M M G V S D
    Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Visite totali

  • 14,476

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: