Nasce a Cosenza la Lega del Sud

18 gennaio 2009 at 22:27 1 commento

COSENZA – Rappresentanti di associazioni e movimenti autonomisti provenienti da Calabria, Puglia e Basilicata si sono incontrati a Cosenza per dare vita ad una “Lega del Sud’’. L’iniziativa, è detto in un comunicato degli organizzatori, è stata indetta “per verificare condizioni politiche per la costruzione di un soggetto unitario che si faccia interprete del risveglio culturale e del riscatto economico e sociale del popolo meridionale”.

“E’ la prima volta – ha affermato l’europarlamentare Beniamino Donnici nella sua relazione – che, superando l’atavica tendenza all’individualismo e alla divisione, tanti movimenti decidono di operare una sintesi e lavorare ad una prospettiva unitaria per contrastare la tendenza nord centrica della politica italiana. Il Sud ha bisogno di una nuova classe dirigente libera, onesta, determinata ad accettare senza complessi di inferiorità la sfida del federalismo e del protagonismo culturale, politico ed economico” .

All’incontro hanno aderito i rappresentanti dei Centri di Azione Agraria; Noi Meridionali; Uniti per la Puglia; Uniti per Matera; Partito del Sud; Sicilia Libera; Puglia Libera; Lega Sud Ausonia; Movimento per la Puglia; Fondazione Eritage; Unione federalista Meridionale; Uniti per Castrovillari; Agorà Calabria; Uniti per la Sicilia; Noi Borbonici; Nuova Italia; Movimento per la Terra;Comitati per la Calabria.

La Gazzetta del Mezzogiorno on the web

Annunci

Entry filed under: Politica. Tags: , , , .

Laureati ma declassati, i giovani del sud Europa accumulano le difficoltà Roma, l’alcol e il sindaco sceriffo piazze semivuote e birre clandestine

1 commento Add your own

  • 1. Unione Federalista Meridionale  |  21 gennaio 2009 alle 09:48

    GOVERNO INADEMPIENTE, PUNITO CHI LAVORA

    Prodi ha resistito due anni, quanto resisterà Berlusconi? Il PDL imploderà come sta capitando al PD? Certo, non sono quesiti che ci toglieranno il sonno, tuttavia qualche preoccupazione la suscitano. Le prime avvisaglie ci sono. Alleanza Nazionale teme l’annessione, la Lega, giustamente, cerca di onorare gli impegni assunti in campagna elettorale ed i piccoli ed inutili partitini della coalizione temono la cancellazione e minacciano chissà cosa. Il Ministro Tremonti sembra un bulldozer, ma, a volte, dimentica l’equità, smentendo se stesso. Sta capitando nei confronti dei lavoratori autonomi, che la sinistra considera quasi criminali e la destra, che dovrebbe tutelarli, si dimostra insensibile, forse per non avvalorare l’accusa di proteggere l’evasione fiscale. Sta di fatto che una categoria indifesa e poco incline ad associarsi nella protesta, paga le conseguenze della demagogia di sinistra e della mancanza di coraggio della destra. Pochi si soffermano a valutare i sacrifici dei lavoratori autonomi, quasi nessuno vuole rendersi conto che costituiscono la spina dorsale della nostra economia. Quando il Governo non sa a chi rivolgersi, tassa il popolo delle partite iva, tanto nessuno avrà il coraggio di protestare. Addirittura con gli studi di settore è stato introdotta la regola che la prova spetta all’accusato e non all’accusatore. Insomma per gli autonomi vale il reddito presunto a prescindere dalle situazioni di crisi o di involuzione del commercio e dell’economia in generale. Eppure tra tante categorie che approfittano dello Stato o che hanno in abbondanza tutele, ammortizzatori, ferie e malattie pagate, oltre ad una pensione decorosa ed una buonuscita garantita, gli autonomi pagano la loro scelta di vita, a volte obbligata, come se avessero aderito a Cosa Nostra o ad una consorteria criminale. A dire che il loro voto ha sempre premiato il centro destra, in virtù di quella visione realistica e liberale professata dai suoi esponenti, ma spesso, in passato, sono rimasti delusi ed anche oggi si sta riproponendo la ritirata strategica del Governo Berlusconi. E’ vero che la Lega combatte la sua battaglia, ma non è pensabile che possa rompere il patto sulla questione specifica. Bisogna chiedersi solo quanti argomenti e quante questioni saranno materia del contendere tra PDL e Lega. Il Federalismo è ancora una dichiarazione di intenti e la Riforma Istituzionale procede a rilento, anzi, a volte, sembra accantonata. Anche la Legge Elettorale sembra si sia fermata, probabilmente per cercare di accontentare i cosiddetti cespugli, di cui non ce ne può fregar di meno. Il Ministro Brunetta si è dato un gran da fare e qualche risultato lo ha ottenuto, ma non siamo alla riforma della burocrazia che opprime gli Italiani. Vessazioni, iniquità, documenti e bolli inutili e tante, tantissime perdite di tempo sono sempre lì. I tempi, quindi, sono lunghi e non è dato sapere quanto resisteranno i vari leaders della Coalizione di Governo a non litigare. Il Governo Prodi diede segnali di conflitti interni dopo qualche mese, quello Berlusconi inizia adesso dopo otto di mesi e, inoltre, gli elettori cominciano già a mugugnare, anche per la crisi economica non imputabile all’attuale Governo. Tuttavia ci si aspettava un azione più decisa e più rapida, ma, evidentemente, ci sono ancora molte questioni irrisolte nella maggioranza. E’ tempo che la Lega ed i parlamentari di buona volontà si mettano in moto e chiamino a raccolta il popolo. Soprattutto è necessario rivolgersi ai Meridionali, spiegando loro che è finito il tempo delle clientele, dei favoritismi e dell’assistenza pubblica, ma è giunto il momento della responsabilità e di diventare, come propone l’Unione Federalista Meridionale, artefici del proprio destino.
    Salerno, 20 gennaio 2009
    Il Presidente
    Alfonso L. Venosi

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

gennaio: 2009
L M M G V S D
    Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Visite totali

  • 14,475

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: