Il pacifista Vik Arrigoni target delle bombe?

17 gennaio 2009 at 00:18 Lascia un commento

«Restate umani», caparbiamente finisce così ogni messaggio, ogni post, ogni reportage di Vittorio Arrigoni, il pacifista italiano del Free Gaza Mouvement che ha scelto di rimanere nella città sotto le bombe israeliane, unico italiano, come testimone di quanto accade. È tornato là dopo una breve carcerazione e un foglio di via delle autorità israeliane – ed è lì, dalla prigione israeliana che lo abbiamo sentito la prima volta come Unità online -perchè scortava le barche da pesca dei palestinesi di Gaza. È tornato – ce lo aveva preannunciato – a bordo dell’ultimo viaggio della nave Dignity (nella foto) che è riuscito a concludersi nel porto ora bombardato di Gaza proprio pochi giorni prima dell’inizio dell’avvio di “Piombo fuso”, l’operazione offensiva israeliana. Ed è finora riuscito a rimanere vivo, oltre che umano, cercando di portare il suo aiuto al personale medico degli ospedali e di raccontare gli orrori della popolazione civile. È da lui che abbiamo avuto i primi riscontri dell’uso di bombe al fosforo bianco durante l’attacco di Gaza City.

La destra filo-israeliana americana non ha gradito –la sua presenza a Gaza e forse anche quel suo slogan, chissà – e lo ha indicato come target, anzi proprio come bersaglio «numero uno», a Tshal, cioè all’esercito di Tel Aviv. Nel sito inaugurato ad hoc per contrastare la crescente popolarità del dell’ISM (International Solidarity Movement), e che infatti si chiama http://stoptheism.com/ si indica Vittorio Arrigoni come bersaglio numero uno per le forze armate israeliane con tanto di foto per identificarlo e di dati segnaletici, come un tatuaggio che Vik ha sulla spalla. Sul sito legato a Lee Kaplan si spera in questo modo di «liberarcene per sempre». Seguono attacchi al governo italiano per la vecchia questione della fuga di Abu Abbas dopo il sequestro della nave Achille Lauro e si esprime il dubbio che in questo caso – cioè di fronte a questo «anarchico recidivo sostenitore di Hamas» – il governo italiano intervenga a suo favore, dovendo far dimenticare ancora il caso Abbas. Auspicio finale e insistito che Arrigoni «resti un obbiettivo da rimuovere permanentemente».

Adesso, se alla Farnesina e in Vaticano, si vuole restare umani, c’è da aspettarsi che qualcuno intervenga in sua difesa.

l’Unità.it

Annunci

Entry filed under: Attualità estera. Tags: , , .

Crisi: Casa Bianca, pil 2009 +0,6% Imperia, disabile espulsa da supermercato. Rientra con i carabinieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Feeds

Categorie

gennaio: 2009
L M M G V S D
    Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Visite totali

  • 14,429

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: